Comunità Pastorale S.Crocifisso MEDA

Voce di Luglio-Agosto 2018

Indice degli articoli

Riunione del 15 febbraio 2018

Consiglio Pastorale

Giovedì 24 maggio 2018 alle ore 21.15 presso la parrocchia Madonna di Fatima si è riunito il Consiglio Pastorale della Comunità per discutere i seguenti punti all’ordine del giorno:


Dopo la preghiera di compieta si è passati alla trattazione del primo punto all’ordine del giorno. Il parroco ha informato i consiglieri sullo stato delle cose relativamente alle questioni di seguito elencate, affrontate durante le sedute precedenti ed evolutesi nel frattempo.

Si è passati, quindi, alla trattazione del secondo punto all’ordine del giorno, cominciando con una verifica sulla catechesi e la formazione degli adulti.

Aldo Zaboi ha detto di aver collaborato alla realizzazione di due corsi di formazione rivolti rispettivamente ai genitori dei bambini che svolgono il percorso di iniziazione cristiana e a quelli dei preadolescenti. Il primo si è svolto con la collaborazione di don Tommaso e di Claudia Polloni e ha avuto come argomento il senso dell’errore e la coscienza critica dei genitori; il secondo, in collaborazione con don Fabio, ha avuto un’importante parte laboratoriale in cui i genitori stessi si sono messi in gioco attraverso lavori di gruppo e ha avuto lo scopo di far capire ai genitori che non sono soli nello svolgimento del loro compito educativo, ma sono inseriti in una rete grazie alla presenza di diverse realtà educative sul territorio. A questi due corsi si è aggiunto un ulteriore corso destinato in particolare ai genitori della scuola San Giuseppe, ma aperto a tutta la Comunità Pastorale. Don Tommaso ha fatto notare come purtroppo queste proposte qualitativamente molto valide non abbiano avuto un riscontro altrettanto positivo in quanto a partecipazione; ha citato come esempio i venti genitori presenti sui seicento bambini coinvolti nel percorso di iniziazione cristiana.

Rosa Busnelli, che ha partecipato come mamma al corso sui preadolescenti, ha suggerito di rendere più sostenuta la parte relativa ai contenuti, da accostare alla parte laboratoriale già ben strutturata.

Pinuccia Orsi ha letto una relazione relativa al percorso svolto dal Movimento Terza Età, sottolineandone i punti forti e proponendo un possibile sviluppo.

Don Tommaso ha ricordato come siano stati particolarmente apprezzati i tre incontri in Avvento sulla Sagrada Familia e gli esercizi spirituali in Quaresima. Ha sottolineato come queste occasioni siano state molto belle, ma episodiche e come manchi invece un percorso comunitario più continuativo; bisognerebbe avere la fantasia di immaginarne uno.

Don Claudio ha ribadito la bellezza delle serate di Avvento —in cui l’accostamento tra arte e fede ha costituito un valido strumento di catechesi— e la varietà di proposte durante gli esercizi spirituali. Ha ricordato che il Vescovo ha chiesto un rilancio dei Gruppi di Ascolto della Parola; già ora gli animatori hanno dei momenti intensi di formazione, ma bisognerebbe forse cambiare la modalità della proposta. Altrettanto validi, a suo parere, sono i corsi in preparazione al Matrimonio e al Battesimo, anche se la richiesta importante di formazione e crescita di queste giovani famiglie non trova poi continuità. Anche a lui sembra importante istituire una catechesi per adulti continuativa su alcuni temi fondanti.

Fabio Sgaria ha ripreso i numeri de La voce della comunità per tracciare una verifica di quanto fatto quest’anno; innanzitutto ha ripreso il tema del progetto pastorale Pietre vive, che aveva posto come priorità la celebrazione dell’Eucarestia e l’accoglienza. Ha sottolineato come la vacanza trascorsa con il gruppo famiglie sia stata un ottimo punto di partenza per continuare lungo tutto l’anno un percorso di condivisione, nella gratitudine di avere accanto dei volti che accompagnano e nella riscoperta del valore del tempo donato alla relazione con le persone. Ha poi ricordato alcune esperienze concrete di comunità, come la realizzazione della mostra sul Duomo di Milano.

Mario Cassina ha affermato che l’aver dovuto preparare il testo per l’ora di adorazione delle Giornate Eucaristiche è stata l’occasione per recuperare un gesto che fino ad ora aveva vissuto in modo superficiale. Anche lui ha particolarmente apprezzato le serate sulla Sagrada Familia.

Silvana Viganò ha ricordato che il gruppo Caritas ha dei momenti di formazione a livello decanale; quest’anno si sono svolti due incontri aperti anche a tutte le associazioni che si occupano di carità e due incontri più specifici dedicati agli operatori dei Centri d’Ascolto.

Denis Ceccon ha richiamato la necessità di un impegno a una progettazione a lungo termine; il Consiglio Pastorale dovrebbe cercare di porre delle basi per il futuro.

Don Luigi ha sottolineato che, a suo parere, due argomenti trattati dal Consiglio Pastorale sono stati lasciati cadere, in particolare quello della sinodalità, su cui il Vescovo ha chiesto di riflettere con insistenza. Per quanto riguarda invece il sinodo minore Chiesa dalle genti, ritiene che ci sia stato un bel momento di riflessione, ma che sia poi mancato uno spazio di dialogo più disteso.

Silvia Asnaghi ha chiesto che il Consiglio esprimesse un parere sull’opportunità di continuare a partecipare come Comunità Pastorale all’iniziativa comunale del Cineforum. È stato sottolineato che il dibattito che solitamente segue il film è molto interessante e anche don Claudio ritiene che sia un’ottima occasione di Chiesa in uscita, che ci dà la possibilità di incontrare anche persone che altrimenti non frequenterebbero gli ambienti parrocchiali.


Si è passati quindi alla verifica sulla Pastorale Giovanile.

Don Fabio, riportando anche alcune riflessioni emerse nella Commissione di Pastorale Giovanile, ha invitato ad evitare una verifica basata esclusivamente sui dati numerici di partecipazione; c’è un desiderio da parte dei ragazzi e delle loro famiglie e c’è una proposta che si sviluppa e articola nei vari percorsi formativi; anche a chi non frequenta è stato rivolto uno sguardo e un’attenzione attraverso l’aiuto allo studio e le attività della Commissione Scuola. La preoccupazione e il cruccio riguardano la capacità di elaborare una proposta che incida veramente nella vita dei ragazzi; ad esempio è bella e significativa l’esperienza della vita comune, ma continua a essere una fatica il capire che l’oratorio è un luogo in cui “stare”.

I consiglieri sono intervenuti per sottolineare l’importanza del valorizzare i ragazzi in ciò che sanno fare, del prendersi cura di chi è in una situazione di disagio e fragilità, dell’educare la capacità di interpretare la realtà. Si sono messe in rilievo alcune iniziative ben riuscite, da ripetere, e alcuni obiettivi da perseguire.

Tra le varie, don Claudio ha annunciato che il Vescovo inviterà le comunità a riflettere su una sua lettera pastorale che avrà probabilmente come tema quello della Chiesa in cammino.

Ha ringraziato Aldo Zaboi, che ha concluso il suo mandato alla scuola San Giuseppe, e comunicato la data in cui si festeggeranno le Suore di Maria Bambina.

Don Tommaso ha comunicato che dal prossimo Anno Pastorale lascerà la nostra Comunità per diventare Parroco. Ha espresso gratitudine per il periodo vissuto a Meda, che gli ha permesso di crescere come prete e come uomo, ma allo stesso tempo ha riconosciuto che la carenza di preti giovani ha reso necessaria una sua disponibilità a ricoprire il nuovo incarico. I Consiglieri hanno espresso rammarico e insieme un sincero augurio.

Ci sarà modo per salutare ufficialmente don Tommaso in occasione della festa di San Giacomo in ottobre.


Per ricordare

Modifiche orari Messe domenicali S.Maria Nascente

Da domenica 18 novembre, 1ª Domenica di Avvento, cambierà l’orario delle Messe domenicali che sarà il seguente:
  • in parrocchia alle ore 8.00, 11.00 e 18.30;
  • in Santuario alle ore 9.00.

É disponibile il numero di Dicembre 2018 della Voce della Comunità